Elenco ricette per Etichetta

Primi piatti

Carne

Salati

Dolci vari

Post in evidenza

Risotto zucca e cioccolato fondente

martedì 22 novembre 2011

Il caffé: come berlo e servirlo





Il caffè

Secondo il Galateo, al termine della cena, è compito della padrona di casa invitare gli ospiti ad accomodarsi in salotto e offrire un caffé (in Italia un autentico rito da celebrare con i dovuti crismi!).

Perché il momento sia in linea con il Galateo la padrona di casa avrà cura di:



liberare in anticipo il salotto dai bicchieri e dai vassoi utilizzati per l'aperitivo.
Portare in salotto le tazzine con i piatti e i cucchiaini, insieme alla zuccheriera, alla lattiera e ad un piccolo bricco con la panna liquida su un apposito vassoio portare la caffettiera (se avete previsto l'impiego di personale di servizio sarà loro compito) servire il caffè appena fatto, alla presenza degli ospiti e direttamente dalla caffettiera.
Aggiunge zucchero, latte o panna secondo i desideri degli ospiti e porgere la tazzina con piattino e cucchiaino (l'ordine da seguire è il solito: prima la persona di maggior riguardo, poi le signore, infine i signori, con il padrone di casa per ultimo).


Ricordate: il caffè si serve una volta sola e il Galateo non ammette l'uso del caffè corretto.

L'aroma

Un cattivo caffè può rovinare la vostra cena esattamente come una portata sbagliata nel menu, quindi è necessario cercare di evitare che venga servito un caffè cattivo.


Ecco alcuni consigli per voi:

Provate il caffè prima di portarlo in salotto.
Utilizzate unicamente caffè di qualità, magari comprato in una torrefazione artigianale per il quale sarete sicuri della freschezza dell'aroma verificate l'efficienza della macchina per caffè o della moka prima dell'inizio della serata conservate la moka grande, se non la usate quotidianamente, con dentro qualche chicco di caffè per mantenere l'aroma

Gesti precisi e calcolati

Bere un caffè ad un pranzo, ad una cena ma anche in un bar, è un gesto dal quale si può intuire quanto siate padroni delle regole del Galateo.
 Ecco i gesti che vanno compiuti:
Reggere il piattino con la mano sinistra.
Mescolare il caffè con la mano destra, muovendo il cucchiaino dall'alto in basso.
Prendere la tazzina dal manico con il pollice e l'indice della mano destra.
Riporre il cucchiaino sul lato destro del piattino.

Da evitare invece:

Mescolare rigirando con movimento circolare orario o antiorario:
Portare il cucchiaino alla bocca.
Alzare il mignolo mentre si sorseggia.
Ondeggiare la tazzina in maniera circolare, quando giungete alla fine del caffè, prima dell'ultimo sorso.


In pillole


Non sottovalutate l'importanza di un buon caffè alla fine del pasto.
Il caffè va servito in salotto direttamente dalla caffettiera.
Il cucchiaino non deve mescolare il caffè bensì agitarlo con un movimento che tracci una linea retta verticale all'interno della tazzina.
Al posto delle solite tazzine potete servire il caffè in bicchierini di vetro.


P.S. Non ricordo dove ho tratto queste info, se qualcuno vuole rivendicarne l'appartenenza e/o desidera che le cancelli, mi scriva.