Elenco ricette per Etichetta

Risotti

Primi piatti

Salati

Cioccolato

martedì 6 aprile 2010

Pasta al sacco o reale di mia mamma

Il giorno di Pasqua io e la mia mamma abbiamo cucinato questo primo piatto insieme
Questo è un primo piatto tra i miei preferiti, io la mangio anche a dadini cruda perché è saporita e buonissima! La mia mamma la chiama pasta al sacco perchè è chiusa dentro un sacchetto di stoffa che lei ha cucito appositamente per questa ricetta.

Ingrdienti per 4 persone:

4 uova intere
gr 100 burro
gr 150 farina 0
gr 150 parmigiano grattuggiato
noce moscata
sale qb

Sciogliere il burro a bagnomaria e lasciarlo intiepidire. Sbattere le uova, aggiungere il burro, il formaggio, la farina, la noce moscata, sale.




Amalgamare bene tutto e versare in un sacco di cotone bianco, bagnato nel brodo e  cucito ai tre lati, oppure una tovaglietta che legherete con dello spago da cucina, attenzione che l'impasto non è solido...




Chiudere bene e gettarlo nella pentola a bordi alti con il brodo che bolle già da 30 minuti.


Cuocere per circa 2 ore. Tirare fuori la pasta dal sacco e tagliarla a fette


e poi a piccoli dadini


rigettarla nel brodo bollente per 2 minuti. Gustatela...con gioia!

6 commenti:

  1. CIAO PAOLA, HO FAMEEEE!!!!!! MI SONO SAZIATA CON GLI OCCHI, MA IL MIO PANCINO PIANGE A VEDERE QUESTE MERAVIGLIE E NON POTERLE ASSAGGIARE.
    APSETTO CHE MI INVII I TUOI DATI PER LO SWAP DELL'OPSITALITA' alessandra.pazzaglia@email.it

    RispondiElimina
  2. Ciao Alessandra, mi spiace non potertele offrire le mie meraviglie (grazie!) culinarie! grazie dell'invito per lo swap, ciaooo

    RispondiElimina
  3. grazie per questa ricetta, la faceva cosi anche mia suocera, era tanto buona e ora voglio provare anch'io.

    RispondiElimina
  4. Ciao, volevo segnalarti che questa ricetta la fa tutt'ora anche mia madre, che è relativamente giovane, e mi pare l'abbia imparata da mia nonna paterna. La chiamano pasta al sacco alla stessa maniera, non ho visto nessuno farla altrove e qui siamo in provincia di Rimini.

    A suo dire la pasta al sacco è di origine marchigiana ma assomiglia molto alla zuppa imperiale bolognese.

    saluti

    RispondiElimina
  5. Carissima Paola. Sono Andrea e ti scrivo dal Brasile. Ho provato la pasta al sacco nei anni 70. La faceva la mia caríssima zia Ida Veritá, che habitava in Via Campidori, a Faenza. Zia Ida - ormai deceduta - era nata a Faenza o a Brisighella. Ossia, la pasta al sacco é - forse - uma ricetta dell'Emiglia Romagna,

    Detto questo, ti chiedo de - please - informarmi in quale quantitá di brodo é bene di fare bollire la pasta all sacco!

    Non vedo l'ora di prepararla... e gustarla!

    Andrea - di Rio de Janeiro, Brasile

    RispondiElimina
  6. Carissima Paola. Sono Andrea e ti scrivo dal Brasile. Ho provato la pasta al sacco nei anni 70. La faceva la mia caríssima zia Ida Veritá, che habitava in Via Campidori, a Faenza. Zia Ida - ormai deceduta - era nata a Faenza o a Brisighella. Ossia, la pasta al sacco é - forse - uma ricetta dell'Emiglia Romagna,

    Detto questo, ti chiedo de - please - informarmi in quale quantitá di brodo é bene di fare bollire la pasta all sacco!

    Non vedo l'ora di prepararla... e gustarla!

    Andrea - di Rio de Janeiro, Brasile

    RispondiElimina

Grazie della visita al mio blog, e grazie in anticipo dei vostri graditissimi commenti :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

visite


contatore

.