Elenco ricette per Etichetta

Salati

Pasta fatta in casa

Fragole

Dolci per la colazione

Incido su commissione il vetro: bicchieri, vasi, finestre, specchi, ecc Clicca la foto

martedì 6 dicembre 2011

La mia ricetta per fare i Ricciarelli e alcune curiosità...

I Ricciarelli insieme ai Marron glacés, alla Cassata Siciliana, e alle Meringhe, sono i miei dolci preferiti!


Leggenda


La leggenda narra che si debba al senese Ricciardetto della Gherardesca la divulgazione di questi squisiti dolci. La loro ricetta a base di mandorle e miele sembra infatti sia giunta dall’oriente con Ricciardetto quando ritornò dalle Crociate. Il nome “ricciarelli” secondo alcuni deriverebbe proprio dal nome del crociato, secondo altri dalle calzature con la stoffa arricciata dei sultani. In realtà questi dolcetti, incartati in veline che riportano l’immagine di due cavalli alati (gli originali si trovano nel museo archeologico etrusco di Volterra, città legata al casato dei Gherardesca), anticamente erano chiamati col nome di “marzapanetti alla senese” o “morzelletti”, ed è stato solo dall’ottocento che è comparsa la denominazione di ricciarelli. Questa golosità originaria della città di Siena, nel corso degli anni si è affermata anche negli USA e nel Regno Unito. È in special modo da ottobre a dicembre (Natale) che i ricciarelli vivono il loro periodo di massima splendore. Consigliamo d’assaporarne anche la versione “rozza”, d’aspetto irregolare, ricoperta di cioccolato fondente.









Ingredienti:

gr 300 mandorle dolci
gr 10 mandorle amare
gr 200 zucchero semolato
gr 150 zucchero a velo
1  albume d'uovo
ostie

Preparazione:


Ricordate che le mandorle migliori sono quelle siciliane, ma se non le trovate...pazienza!
Sgusciamo le mandorle e scottiamole per qualche minuto in acqua bollente, le spelliamo con un po'di pazienza e dopo averle tostate in forno caldo le pesteremo nel mortaio. Il loro peso ottenuto non dovrebbe superare i 200 grammi. Si amalgano le mandorle con lo zucchero semolato e quindi mettiamo il tutto in una terrina dove aggiungeremo lo zucchero a velo e l'albume d'uovo montato a neve. Si versa il composto ottenuto a piccoli micchietti, sulla spianatoia spolverata di zucchero a velo e con ogni mucchietto, schiacciando con il palmo delle mani, formate dei rombi, la classica forma dei ricciarelli. Posate ogni ricciarello su un'ostia e poneteli tutti su una piastra da forno e lasciateli riposare per 12 ore a temperatura ambiente e quindi infornate a 50° per 20 minuti. Servirli freddi spolverati di zucchero a velo.


7 commenti:

  1. Ciao Mary, grazie :) ma soprattutto sono buonissimi :)) ciaooo

    RispondiElimina
  2. Ciao, complimenti per l'ottima realizzazione di questi biscotti!

    Lisa

    RispondiElimina
  3. non conoscevo la storia di questi dolci, che mi piacciono moltissimo e ogni anno a Natale devo averne sempre una scatola. Un bacione

    RispondiElimina
  4. Bellissimi e golosissimi, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  5. Deliziosi questi dolcetti di mandorle,ti sono venuti perfetti! Ciao

    RispondiElimina
  6. Bravissima Paola, lo ho fatti pure io molto simili, bacioni"!!!!

    RispondiElimina

Grazie della visita al mio blog, e grazie in anticipo dei vostri graditissimi commenti :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

visite


contatore

.

Acquista o regala il mio libro di ricette

Acquista o regala il mio libro di ricette
clicca la foto