Elenco ricette per Etichetta

Antipasti

Primi piatti

Fragole

Dolci veloci

Incido su commissione il vetro: bicchieri, vasi, finestre, specchi, ecc Clicca la foto

martedì 8 marzo 2011

Buon martedì grasso! E... Torta mimosa! ;) con auguri a tutte le donne :)


Martedì grasso è una festa d'origine cattolica, che rappresenta la fine della settimana dei sette giorni grassi (carnevale). Questo periodo durante il quale si festeggia, precede il mercoledì delle ceneri che segna l'inizio della Quaresima ed anche per questo che molte persone si recano in chiesa a confessarsi in questa giornata. Anche molte celebri sfilate di carnevale hanno luogo proprio il Martedì grasso. In Europa, il calo delle celebrazioni religiose d'astinenza durante la quaresima, ha fatto perdere alle celebrazioni quell'intensità tipica della religiosità, trasformandola in una festa sentita soprattutto dai più piccoli, coinvolgendo naturalmente anche il martedì grasso. La tradizione voleva infatti che in questa giornata venissero consumati tutti i cibi più
 prelibati rimasti in casa, che durante la quaresima non potevano essere mangiati: carne, pesce, uova e latticini. E proprio per il fatto che si consumavano cibi grassi che in Italia divenne "martedì grasso" e in Francia "Mardi gras". In Sardegna il Martedì grasso assume vari nomi: a Mamoiada si chiama Martisero, a Ulassai si chiama Martisperri. Fanno eccezione il Carnevale di Viareggio, il Carnevale di Ovodda[1], il carnevale di Poggio Mirteto ed il carnevale di Borgosesia[non chiaro].Inoltre fa eccezione anche gran parte della diocesi di Milano, che segue il rito ambrosiano, secondo il quale la Quaresima inizia la domenica seguente. Perciò i festeggiamenti sono posticipati di quattro giorni, al sabato grasso o carnevale ambrosiano.

Negli Stati Uniti, Martedì grasso è una festa molto importante e sentita soprattutto nella città di New Orleans.

Inoltre negli States si celebra anche il Pancake Day (Giornata della frittella Pancake), in cui vi sono vere e proprie competizione nelle scuole e nei villaggi tra famiglie in cui, uno dei componenti, deve correre con una padella al cui interno si trova una frittella fredda. Per vincere, mentre si corre, bisogna riuscire a far girare il pancake almeno tre volte durante il tragitto compreso tra la partenza e l'arrivo.
Sembra che questa tradizione risalga al XV secolo quando una donna, che stava preparando i pancakes per la festa del martedì grasso, si accorse troppo tardi che le campane della chiesa stavano già suonando per la confessione. Per non perdere tempo s'armò di buona volontà e finì di preparare le sue pancakes lungo la strada, in corsa con il grembiule ancora indossato.


Martedì grasso 2012 sarà il 21 febbraio



Ecco la torta mimosa...

sorpresa!!

come mai una mini torta?
anzi, direi proprio un muffin-mimosa ;)
come l'ho realizzato?

?????

premetto che una vera torta c'è stata...



Scusate la foto pietosa fatta con il cellulare... :(( ma era veramente buonissima! le mie amiche l'hanno letteralmente divorata :))

Occorrente per la MIA torta mimosa:

1 pan di spagna con realizzato con questa ricetta

crema pasticcera realizzata con questa ricetta

1 barattolo di ananas a fette con il suo sciroppo zuccheroso

Prendere il pan di spagna cotto e tagliare una fettina scura del "coperchio". Scavare lascindo 2 cm e togliere le briciole che useremo per imitare la mimosa. Bagnare il pan di spagna con il succo di ananas del barattolo, mentre le fette di ananas tagliarle a pezzi piccoli e metterli nella crema pasticcera. Riempire il "buco" all'interno del pds con la crema arricchita con l'ananas e sbriciolarci sopra il pds.
Mettere in frigo.

Per la mini torta ho versato un poco dell'impasto crudo del pds in un pirottino da muffin e cotto, poi ho usato lo stesso procedimento della torta grande.

Ricordiamoci che:
il Ministero dei Beni Culturali ha scelto anche quest’anno di offrire l’ingresso a tutte donne che sceglieranno di dedicare la giornata alla visita di musei e mostre concedendosi una giornata davvero straordinaria all’insegna della cultura. Visitatequesto sito per le info: http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_2116572447.ht

################################################################################

Martedì grasso a FANO





Oggi alle ore 18.00 circa, il pupo di carnevale 2011 è stato bruciato, sancendo la fine del carnevale per questo anno

Un elemento assolutamente originale del Carnevale fanese è il caratteristico “Pupo”: esso simboleggia l’animale sacro sul quale la comunità scaricava le colpe commesse nei giorni di licenza erotica del Carnevale. Il pupo è conosciuto e chiamato, con tono confidenziale, “El Vulon”: dall’antica leggenda secondo la quale ”El Vulon” sarebbe nato da un’affermazione che Napoleone Bonaparte durante la sua campagna di conquista in terra italiana, alla vista della città di Fano, affermò “Nous voulons…”(pronuncia “nu vulon”), intendendo comunicare ai suoi collaboratori la volontà di conquistare anche la città di Fano. Da quel giorno “El Vulon” è diventato sinonimo di colui che dimostra un atteggiamento da gradasso, e tale parola è entrata pienamente nell’uso comune, per identificare persone che si muovono con aria di sufficienza o comunque che si pavoneggiano per porsi al centro dell’attenzione.




Il gradasso è diventato il pupo, il pupo simbolo del Carnevale, che viene bruciato il martedì grasso per sancire la fine dei festeggiamenti e l’immediato inizio della Quaresima.


3 commenti:

  1. Aspettiamo la torta!!!!! Auguri a te e grazie della segnalazione sui musei ^_-
    Franci

    RispondiElimina
  2. io voglio vedere la tortaaaaaaaaaa!
    Grazie per gli auguri, contraccambio volentieri e non sapevo dei biglietti per i musei...bella iniziativa!:D

    RispondiElimina
  3. Allora,la torta.
    Buon 8 Marzo anche a te .
    Ciao,Fausta

    RispondiElimina

Grazie della visita al mio blog, e grazie in anticipo dei vostri graditissimi commenti :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

visite


contatore

.

Acquista o regala il mio libro di ricette

Acquista o regala il mio libro di ricette
clicca la foto